Putin e Zelensky

Russia vs Ucraina: svelare le vere ragioni della guerra di Putin

La guerra in corso tra Russia e Ucraina è un conflitto complesso e multifattoriale, con motivazioni che risalgono a diversi anni prima della sua esplosione nel 2014. Per capire le motivazioni sottostanti a questa guerra e svelare le vere ragioni della guerra di Putin, è necessario esaminare alcuni fattori chiave:

Contesto storico:

L’Ucraina ha una storia complicata con il suo vicino orientale, la Russia. Durante il periodo dell’Unione Sovietica, l’Ucraina era una delle repubbliche costituenti e condivideva legami culturali ed economici con la Russia. Tuttavia, con la dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991, l’Ucraina ha ottenuto l’indipendenza e ha iniziato a cercare di sviluppare una propria identità nazionale e politica.

Differenze etniche e identitarie:

L’Ucraina è divisa tra una popolazione russofona nell’est del paese e una popolazione di lingua ucraina nell’ovest. Queste differenze etniche e identitarie hanno alimentato tensioni e divisioni all’interno del paese, che sono state sfruttate sia dalla Russia che dai gruppi politici ucraini.

Geopolitica:

La guerra tra Russia e Ucraina ha anche una sfumatura geopolitica. La Russia percepisce l’Ucraina come un paese chiave per la sua influenza nella regione e come parte del suo “vicinato estero”. Inoltre, l’Ucraina è un corridoio per gli approvvigionamenti di gas naturale che la Russia esporta verso l’Europa, che rappresenta una fonte importante di reddito per il governo russo.

Rivoluzione ucraina del 2014:

Nel 2014, l’Ucraina ha vissuto una rivoluzione che ha portato all’allontanamento del presidente filorusso Viktor Yanukovich e all’ascesa di un governo più orientato verso l’Occidente. Questo ha alimentato la preoccupazione russa per la perdita dell’influenza sull’Ucraina e ha portato allo scoppio della guerra.

Crimea e Donbass:

Due aree chiave di conflitto sono la Crimea e il Donbass. Nel 2014, la Russia ha annesso la Crimea, un’azione che è stata fortemente condannata dalla comunità internazionale. Nel Donbass, regione orientale dell’Ucraina, gruppi separatisti filo-russi hanno proclamato unilateralmente l’indipendenza e hanno combattuto contro le forze governative ucraine.

Interessi economici:

La guerra ha anche delle implicazioni economiche importanti. L’Ucraina ha una posizione strategica nel trasporto dell’energia verso l’Europa e, quindi, la Russia ha un interesse a mantenere il controllo su questa area. Inoltre, le sanzioni internazionali imposte alla Russia a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto hanno avuto un impatto significativo sull’economia russa.

La guerra in corso

Nel febbraio 2022 la Russia ha infine lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina dopo mesi di reclutamento di truppe e carri armati al confine. Ciò ha colto di sorpresa molti in tutto il mondo, ma le tensioni tra Russia e Ucraina ribollono da anni.

L’Ucraina e la Russia condividono profondi legami storici, culturali ed economici, ma dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, l’Ucraina si è spostata verso una posizione di politica estera pro-Europa e pro-NATO. Ciò ha creato continui attriti con la Russia, che vede l’Ucraina come parte integrante della sua sfera di influenza.

Nel 2014, dopo la deposizione del presidente filo-russo dell’Ucraina, la Russia ha annesso la penisola di Crimea all’Ucraina e ha sostenuto le forze separatiste nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale. Questi conflitti congelati hanno causato la morte di oltre 14.000 persone, con sporadici combattimenti che continuano nonostante gli accordi di cessate il fuoco.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022 rappresenta una grave escalation in questo conflitto di lunga data. Sebbene le motivazioni dietro le azioni della Russia siano complesse, fattori come il crescente allineamento dell’Ucraina con l’Occidente, il desiderio della Russia di ripristinare la propria posizione come potenza globale e le ambizioni personali del presidente russo Vladimir Putin hanno tutti contribuito alla guerra attuale.

Motivazioni politiche

La decisione del presidente Vladimir Putin di invadere l’Ucraina deriva in gran parte dalla sua ambizione di lunga data di ricostruire l’impero russo e riaffermare lo status della Russia come superpotenza globale. Putin ritiene che l’Ucraina appartenga di diritto alla sfera di influenza della Russia, non a quella dell’Occidente.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, l’Ucraina ottenne l’indipendenza. Ma Putin la lamenta come una tragedia storica e ritiene che l’Ucraina non avrebbe mai dovuto diventare uno stato sovrano separato dalla Russia. Vuole riprendere il controllo dell’Ucraina e riportarla nell’orbita di Mosca.

Uno dei principali fattori che guidano l’aggressività di Putin è la sua veemente opposizione a qualsiasi espansione verso est della NATO. Putin vede l’allargamento della NATO come una minaccia esistenziale per la Russia. È determinato a impedire all’Ucraina di aderire all’alleanza militare occidentale. Se l’Ucraina entrasse nella NATO, l’alleanza potrebbe posizionare forze e missili al confine con la Russia. Dal punto di vista di Putin, invadere l’Ucraina è una misura preventiva per bloccare l’invasione della NATO.

Putin si risente anche delle potenze occidentali che sostengono i movimenti democratici negli ex stati sovietici. Accusa l’Occidente di intromettersi nel cortile della Russia e di cercare di orchestrare rivoluzioni per installare governi filo-occidentali in nazioni come l’Ucraina. Putin vuole un cuscinetto autoritario che separi la Russia dalle democrazie liberali europee. Occupare l’Ucraina consente a Putin di mantenere il controllo e impedire al Paese di allinearsi con l’UE e la NATO.

Quindi, nella mentalità di Putin, l’invasione dell’Ucraina è giustificata per proteggere la Russia dalle minacce occidentali, ricostruire l’impero russo e dimostrare la potenza della Russia sulla scena globale. Le sue motivazioni politiche derivano dal desiderio di riaffermare il potere e il dominio russo nella sfera di influenza ex sovietica.

Fattori economici

L’Ucraina è ricca di risorse naturali come minerale di ferro, carbone e manganese, oltre ad avere grandi riserve di gas naturale, sia onshore che offshore nel Mar Nero. L’Ucraina ha anche oltre 4.500 miglia di gasdotti e un’infrastruttura di trasporto energetico ben sviluppata.

Garantire il controllo su queste risorse è stata probabilmente la motivazione dell’invasione russa. L’ampia infrastruttura di gasdotti dell’Ucraina consente alla Russia di trasportare petrolio e gas in Europa, il principale partner commerciale dell’Ucraina. Controllando l’Ucraina, la Russia può consolidare il proprio status di fornitore dominante di gas naturale in Europa.

L’Ucraina ha anche importanti città portuali come Odessa che forniscono un importante accesso al Mar Nero e aggirano il territorio russo. Il Mar Nero è strategicamente importante, poiché dà accesso al Mediterraneo e ai mercati mondiali. Se l’Ucraina entrasse nella NATO, c’è preoccupazione che la Russia possa perdere l’influenza sul Mar Nero e il controllo sulle rotte marittime.

Nel complesso, le risorse economiche dell’Ucraina e l’accesso al Mar Nero hanno reso il controllo del territorio ucraino economicamente vantaggioso per la Russia. Negare le risorse e i porti dell’Ucraina all’Europa e alla NATO è stata probabilmente una motivazione strategica dietro l’invasione russa.

Legami etnici

La regione del Donbass, nell’Ucraina orientale, ha forti legami etnici e culturali con la Russia. Molti russofoni e di etnia russa risiedono negli oblast di Donetsk e Luhansk. Dal 2014, i separatisti filo-russi del Donbass sono impegnati in un conflitto con il governo ucraino. La Russia afferma di proteggere gli interessi dei russi in Ucraina.

I ribelli filo-russi hanno dichiarato l’indipendenza a Donetsk e Luhansk come Repubblica popolare di Donetsk e Repubblica popolare di Lugansk. La Russia ha fornito sostegno militare, economico e politico alle regioni separatiste. Ciò include il rilascio di passaporti russi ai residenti. Putin ha sostenuto che il popolo del Donbass è stato sottoposto a un genocidio da parte del governo ucraino.

Tuttavia, l’Ucraina afferma che sta difendendo la propria integrità territoriale da un’insurrezione illegale appoggiata dalla Russia. La maggior parte dei residenti del Donbas sono cittadini ucraini che vogliono rimanere parte dell’Ucraina, nonostante la loro eredità russa. Solo circa il 30% sostiene la fusione con la Russia. L’Ucraina vede il conflitto istigato dalla Russia per destabilizzare il paese dopo che la rivoluzione Euromaidan ha rivolto l’Ucraina verso l’Occidente.

Problemi di sicurezza

Una delle principali motivazioni dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia sono state le preoccupazioni di lunga data legate alla sicurezza legate all’espansione della NATO vicino ai suoi confini. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la NATO ha gradualmente incorporato i paesi dell’ex blocco orientale che un tempo erano allineati con la Russia. Ciò include gran parte dell’Europa orientale e gli Stati baltici, che confinano direttamente con la Russia.

Dal punto di vista della Russia, la prospettiva che un giorno l’Ucraina aderisca alla NATO rappresenta una minaccia alla sicurezza inaccettabile. L’Ucraina funge da stato cuscinetto strategico per la Russia, quindi le truppe e i missili della NATO di stanza lì potrebbero lasciare la Russia vulnerabile. La Russia vede l’espansione della NATO come un’invasione della sua tradizionale sfera di influenza.

Invadendo l’Ucraina, la Russia mira a impedirle di aderire alla NATO. Il presidente russo Vladimir Putin vuole mantenere l’Ucraina nell’orbita russa e lontana dalle istituzioni occidentali. Ciò contribuirà a rafforzare la posizione di sicurezza della Russia mantenendo la separazione geografica dalle forze NATO.

Nel complesso, le profonde preoccupazioni della Russia riguardo all’allargamento della NATO e alla presenza militare vicino al suo territorio sono state un fattore importante nel motivare la sua aggressione contro l’Ucraina. La Russia vuole impedire all’Ucraina di allinearsi con l’Occidente per proteggere i suoi interessi strategici.

Politica interna

Una delle motivazioni principali per l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin è stata quella di rafforzare il sostegno interno e di distrarre dai problemi interni alla Russia.

Gli indici di approvazione di Putin sono aumentati dopo l’annessione della Crimea nel 2014, dimostrando i benefici politici delle avventure militari nazionaliste. I suoi numeri nei sondaggi erano diminuiti negli ultimi anni a causa della stagnazione economica e di politiche interne impopolari come l’innalzamento dell’età pensionabile. Fare guerra all’Ucraina ha offerto un modo per aumentare la popolarità di Putin e le credenziali nazionaliste in patria.

L’invasione funge anche da distrazione dai problemi interni come l’elevata inflazione, la disuguaglianza economica e il malcontento per le politiche Covid-19. Radunare i cittadini attorno alla bandiera spesso aumenta il sostegno ai leader durante la guerra. Invece di concentrarsi su questioni marginali, i russi sono stati inondati di propaganda che descrive la “denazificazione” dell’Ucraina.

Reprimere il dissenso contro la guerra con il pretesto della sicurezza nazionale ha ulteriormente rafforzato la presa autoritaria di Putin sul potere. Oltre 15.000 manifestanti sono stati arrestati per aver parlato contro l’invasione. L’opposizione politica è stata intimidita e i media indipendenti sono stati repressi.

Putin mira a sfruttare la guerra in Ucraina per consolidare il suo controllo in Russia. La campagna militare rafforza la sua base e mette a tacere i critici. Mentre le sanzioni economiche si fanno sentire, Putin probabilmente spera che indirizzare la rabbia pubblica verso l’Occidente piuttosto che verso le sue stesse politiche gli permetterà di superare la tempesta.

Indebolire l’Ucraina

Una delle motivazioni principali dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è stata quella di impedire al paese di integrarsi con l’Occidente e di aderire a istituzioni occidentali come la NATO e l’UE. Da quando la rivoluzione filo-occidentale dell’Ucraina nel 2014 ha deposto un presidente amico della Russia, la Russia ha visto il potenziale allineamento dell’Ucraina con l’Occidente come una grave minaccia ai suoi interessi.

Attaccando e destabilizzando l’Ucraina, la Russia vuole chiarire che l’allineamento con l’Occidente ha un costo elevato. La Russia vuole indebolire l’Ucraina economicamente, politicamente e militarmente al punto che l’Ucraina dovrà abbandonare ogni ambizione di integrazione occidentale. Un’Ucraina indebolita e instabile, che deve concentrarsi sulla ricostruzione e sulla ripresa, non sarà un partner attraente per la NATO o l’UE.

La Russia vuole anche inviare un messaggio agli altri stati post-sovietici: abbracciare l’Occidente e rifiutare l’influenza russa porterà a delle conseguenze. Il Cremlino vede restringersi la sua tradizionale sfera di influenza nell’ex spazio sovietico, e l’invasione dell’Ucraina intende fermare questa tendenza. Impedire all’Ucraina di affermarsi come democrazia allineata all’Occidente ha lo scopo di ridurre l’attrattiva del modello occidentale per altri paesi confinanti con la Russia.

Nel complesso mantenere l’Ucraina sotto il controllo russo o in un perpetuo stato di instabilità è uno degli obiettivi chiave della strategia dell’invasione. Secondo il Cremlino, un’Ucraina intatta e prospera, integrata con l’Occidente, rappresenta una minaccia esistenziale per la Russia. Indebolire l’Ucraina attraverso un’azione militare è considerato necessario per prevenire tale risultato e mantenere la posizione dominante della Russia nella regione.

Ambizioni personali

Le ambizioni personali di Vladimir Putin sembrano essere un fattore importante dietro l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Avendo consolidato il potere ed esteso il suo dominio in Russia per più di due decenni, Putin sembra motivato dal desiderio di lasciare un’eredità duratura ed essere ricordato come una figura storica che ha ricostruito l’ex Unione Sovietica.

Putin ha lamentato il crollo dell’URSS come la “più grande catastrofe geopolitica” del 20° secolo. Considera gli ex stati sovietici come l’Ucraina come appartenenti alla sfera di influenza e controllo della Russia. Ricostruire gran parte dell’impero e del territorio dell’ex Unione Sovietica potrebbe far parte del modo in cui Putin cerca di consolidare la sua eredità.

All’età di 70 anni, Putin deve affrontare la pressione di raggiungere rapidamente i suoi obiettivi, poiché il tempo che gli resterà al potere è limitato. L’invasione dell’Ucraina offre a Putin la possibilità di mostrare forza, raccogliere il sostegno nazionalista in patria e agire con decisione sulle sue ambizioni prima di lasciare l’incarico.

Gli analisti vedono l’ossessione di Putin nel ripristinare la gloria russa e ricostruire l’URSS come legata alla sua immagine di sé e al desiderio di importanza storica. Il suo volontario disprezzo per le critiche internazionali e le conseguenze economiche nell’attaccare l’Ucraina riflette questa attenzione alle ambizioni personali piuttosto che alle preoccupazioni pragmatiche.

Alla fine, Putin sembra guidato dall’ego, dal nazionalismo e dalla convinzione che solo lui può riportare la Russia allo status di superpotenza rivendicando l’Ucraina e altri stati ex sovietici. Questo mix di ambizione e ideologia aiuta a spiegare perché Putin era disposto a intraprendere una guerra brutale e non provocata contro un vicino sovrano.

Guerra dell’informazione

Una parte fondamentale della strategia della Russia nella guerra è stata una vasta campagna di disinformazione e propaganda. La Russia ha utilizzato i media controllati dallo Stato per controllare la narrazione presentata ai propri cittadini, descrivendo l’invasione come un’operazione militare limitata piuttosto che una guerra su vasta scala. Ciò consente al Cremlino di mantenere il sostegno interno nascondendo al popolo russo la vera natura e i costi umani della sua aggressione.

A livello internazionale, la Russia è impegnata anche in una guerra dell’informazione per difendere le proprie azioni. Ha avanzato giustificazioni come la falsa affermazione della necessità di “denazificare” il governo ucraino e difendere i russofoni dal genocidio. Queste narrazioni servono a minare la legittimità del governo eletto dell’Ucraina. La propaganda russa mira anche a seminare confusione, ad esempio diffondendo teorie del complotto che accusano gli Stati Uniti e la NATO di provocare il conflitto.

Inoltre, la Russia ha effettuato attacchi informatici alle infrastrutture di comunicazione e ai siti web governativi dell’Ucraina. Ha utilizzato l’hacking, la disinformazione e il sabotaggio per compromettere la capacità dell’Ucraina di rispondere all’invasione e di comunicare con i suoi cittadini e con il mondo esterno. Ad esempio, la Russia ha disabilitato i servizi di trasmissione radiofonica ucraina.

Nel complesso, il controllo delle narrazioni e dei flussi di informazioni è stato una parte centrale della strategia russa. Le sue campagne di disinformazione in patria e all’estero hanno l’obiettivo di nascondere le vere motivazioni della sua aggressione, minare la sovranità dell’Ucraina, dividere l’opinione mondiale e indebolire la coesione della risposta internazionale. La guerra dell’informazione della Russia integra i suoi obiettivi militari.

Conclusione

L’attuale guerra tra Russia e Ucraina ha motivazioni complesse radicate nella storia, nella politica, nell’economia e nell’ambizione. Sebbene non sia ancora possibile trarre una conclusione definitiva mentre il conflitto continua, sembra che le motivazioni della Russia derivino dal desiderio di riaffermare il dominio sui territori ex sovietici, contrastare l’espansione della NATO, garantire l’accesso ai porti del Mar Nero e rafforzare il prestigio interno del presidente Putin.

La Russia vede l’avvicinamento dell’Ucraina all’UE e alla NATO come una minaccia, mentre l’Ucraina rivendica il proprio diritto come nazione indipendente a determinare i propri partenariati e alleanze. Il controllo dell’Ucraina è anche fondamentale per la posizione geostrategica della Russia e i suoi legami economici con l’Europa.

Sebbene Putin citi la necessità di proteggere i russofoni in Ucraina, la guerra sembra guidata più dal nazionalismo e dall’imperialismo che da preoccupazioni umanitarie. Putin mira a consolidare la sua eredità personale ripristinando la gloria e l’influenza russa.

Le prospettive del conflitto rimangono incerte. La Russia ha vantaggi militari ma ha incontrato una resistenza più dura del previsto. L’Ucraina combatte valorosamente per la sua sovranità e libertà. Una soluzione pacifica sembra lontana, anche se la diplomazia continua. Le motivazioni dietro questa guerra tragica e costosa sono profonde e le ripercussioni dureranno a lungo anche dopo la fine delle battaglie.

In definitiva, le motivazioni della guerra tra Russia e Ucraina sono un mix di considerazioni storiche, etniche, geopolitiche ed economiche. Il risultato finale di questo conflitto dipenderà dalla capacità delle parti coinvolte di trovare una soluzione pacifica e duratura ai problemi che li dividono.

Leggi anche questo o questo

Se vuoi rimanere aggiornato sul tema segui il quotidiano libero

Lascia un commento