"Se non è vero perché lo dici?" "Per far effetto.".”
  

Ricordo di Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi (Roma, 5 febbraio 1958 – Roma, 26 marzo 2018) è stato un conduttore televisivo ed un grande uomo

Ho (ri)conosciuto Fabrizio Frizzi negli anni ’80 quando conduceva un programma per ragazzi su RAI2, il famoso TANDEM, che è stato precursore nelle trasmissioni interattive con il pubblico da casa, mediante l’utilizzo del telefono.

In effetti Fabrizio lo avevo conosciuto per caso alla fine degli anni ’70 nei pressi di quella che all’epoca era sede dell’emittente TELETNA (una delle primissime emittenti TV nel catanese),  in via Odorico da Pordenone 50, una zona relativamente vicina al quartiere Picanello dove abitavo, nei paraggi della storica circonvallazione di Catania.

Chiaramente Fabrizio era un ragazzo, solo un anno più grande di me, ed a presentarlo fu il cavaliere Giuseppe Recca, fondatore di Teletna, notissimo imprenditore del caffè (presenza storica a Catania l’azienda di famiglia, Kikkocaffè), nonchè buon conoscente di mio padre. Incontrati per caso nei pressi di un bar, mentre il Cavaliere e mio padre scambiavano quattro chiacchiere, noi facemmo conoscenza e la cosa che mi colpì di Fabrizio fu la sua grande umiltà (lavorava già per una emittente televisiva, poteva darsi delle arie…) e pacatezza. Insomma, mi piacque subito ed avrei voluto stringere amicizia.

Ma non lo rividi più… Luoghi, amicizie e frequentazioni erano troppo diverse.

Dopo qualche anno, agli inizi degli anni ’80 come dicevo in apertura, lo rivedo su RAI2  e lo riconosco subito. Il suo modo di fare TV, il suo modo sempre con il sorriso sulle labbra e la simpatia che istintivamente provocava nelle persone, erano le stesse cose per le quali quel ragazzo conosciuto anni prima mi era apparso subito “un amico”, una persona sulla quale riporre fiducia, una persona nelle mani della quale, istintivamente, potresti mettere anche la vita…

Da quel momento ho sempre vantato di averlo conosciuto personalmente e sono sempre stato orgoglioso di questo. Non ho mai perso occasione per affermarlo come se io e lui fossimo stati grandi amici.

Ma forse era proprio questa la capacità umana di Fabrizio, quella di rendersi immediatamente simpatico e disponibile con tutti. Non solo sul palcoscenico dove poi la sua carriera artistica si è affermata a 360° (non solo presentatore, erede naturale di quel Corrado che è stato un mattatore in TV), ma anche con partecipazioni a Fiction e Talkshow (Ballando sotto le stelle e Tale e quale, dove ha dato prova delle sue poliedriche capacità).

Ma Fabrizio va ricordato non solo per la sua grandissima professionalità, ma anche per la sua profonda umanità, umanità che silenziosamente e senza proclama alcuno (come siamo abituati a vedere tra i personaggi che popolano l’etere), si manifestava nelle cose semplici ed al tempo stesso grandiose. Vale solo la pena di ricordare la donazione del proprio midollo osseo ad una bambina trapanese, che le salvò la vita.

Di quella esperienza, Fabrizio così diceva: «All’epoca il mio midollo risultò compatibile con quello di una bimba le cui condizioni erano preoccupanti. […] Sei anni dopo, la più bella sorpresa della mia vita. Ero ancora al timone della partita del cuore, stava finendo la diretta e già scorrevano i titoli di coda, quando una ragazzina mi corse incontro per abbracciarmi. Capii subito che si trattava di Valeria, la bimba alla quale avevo donato il midollo e che era venuta a salutarmi dicendomi di essere la mia sorellina.»

Tra pochi giorni saranno trascorsi già 9 mesi dalla sua scomparsa, 9 mesi nei quali la sua assenza, non solo come professionista ma soprattutto come uomo, pesa già tantissimo in tutti coloro che, anche e seppur brevemente come me, lo hanno conosciuto in vita.

Buon Natale Fabrizio…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.