Cio' che rende socievoli gli uomini e' la loro incapacita' di sopportare la solitudine e ,in questa, se stessi.(Arthur Schopenhauer)”