E' impossibile godere a fondo l'ozio se non si ha una quantita'di lavoro da fare.(Jerome K.Jerome)”
  
Edmund Waller

Edmund Waller

Edmund Waller fu un poeta inglese, nato a Coleshill nel 1606 e morto a Hall Barn nel 1687.

In quanto benestante, secondo i criteri dell’epoca, sebbene molto giovane entrò nel parlamento inglese.

A Londra probabilmente nel 1635 sebbene la data non sia certa, conobbe tale Dorothy Sidney, figlia dell’allora potente conte di Leicester. L’amore per questa giovane donna fu oggetto di celebrazione nei suoi versi sotto lo pseudonimo di Sacharissa.

Dopo la congiura realista contro il parlamento avvenuta nel 1643 e nota col nome di Waller’s plot, Waller fu imprigionato ma riuscì a salvarsi rendendo una confessione piena del suo crimine, che tuttavia coinvolse gli altri congiurati. Fu esiliato dall’Inghilterra verosimilmente nel 1644 e l’anno successivo fu pubblicato a Londra il suo volume “Poems” contenente molte liriche già musicate da H. Lawes.

Nel 1651 gli fu revocata la condanna e riuscì a rientrare in Inghilterra, dovbe nel 1655 scrisse “A panegyric to my Lord Protector”, ma nel 1660 espresse il proprio favore per la Restaurazione pubblicando la poesia “To the King upon his Majesty’s happy return”.

Acune altre opere di Waller sono: St. James Park (poesia pubblicata nel 1661), Instructions to a painter (nel 1666), Divine poems (1685).

La perfezione dei suoi poetare fa di Waller uno dei precursori del classicismo inglese.

338total visits,1visits today

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.