Nebulosa Testa di Strega

Nebulosa Testa di Strega

Questa immagine illustra perfettamente il motivo per cui la Nebulosa Testa di Strega prende il nome. Il naso prominente e il mento sporgente non lasciano dubbi. Witch’s Head è una nebulosa a riflessione trovata associata alla stella luminosa Rigel. Si trovano nella costellazione di Orione, a circa 1.000 anni luce dalla Terra.

La Nebulosa Testa di Strega è anche conosciuta come IC 2118. È di colore bluastro non solo per l’influenza della stella Rigel, ma anche per i piccoli granelli di polvere della nebulosa, che riflettono la luce blu in modo più efficiente di di colore rosso.

La stella Rigel

La stella Rigel dista 800 anni luce dal nostro Sole e si calcola che sia un supergigante blu. Rigel ha un diametro di 116 milioni di chilometri, 84 volte più grande della nostra stella e 55.000 volte più luminoso.

L’aspetto e la forma di questa nebulosa suggeriscono che potrebbe avere qualche relazione con le stelle massicce dell’associazione di stelle Orion OB1. È molto probabile che i venti stellari e le radiazioni di questa associazione di stelle siano state quelle che hanno dato la loro forma originale alla Testa di Strega.

Per individuare la nebulosa Testa di strega nel cielo, tutto ciò che devi fare è cercare la stella luminosa Rigel, nella costellazione di Orione. Dopo aver osservato le Tre Marie, tracciamo una linea verso il basso con un angolo di 90 gradi e troveremo Rigel. Può essere visto meglio nell’emisfero meridionale durante l’estate e nell’emisfero settentrionale durante i mesi invernali.

Storia e storie di astronomia

La storia dell’astronomia è legata alla storia dell’umanità. I nostri antenati si sono già meravigliati dello spettacolo offerto dal cielo e dei fenomeni che sono stati presentati lì. Di fronte all’impossibilità di trovare una spiegazione, questi prodigi del cielo erano associati alla magia e alla religione, cercando in essi la ragione e la causa dei fenomeni accaduti sulla Terra. Questo, insieme alla superstizione e al potere della capacità di leggere i destini nelle stelle, ha dominato le credenze umane per secoli.

Molti anni di osservazione hanno posto le basi scientifiche dell’astronomia con spiegazioni più ravvicinate dell’Universo. Tuttavia, le credenze geocentriche, supportate da gruppi religiosi e politici con chiari interessi di dominio, imposero per molti secoli un sistema errato, impedendo anche l’analisi e lo studio di queste scienze. In tali condizioni sociali, la storia dell’astronomia era un percorso difficile.

Un messaggio per altri mondi

L’evoluzione e la diffusione delle teorie scientifiche hanno infine portato alla separazione definitiva tra superstizione (Astrologia) e scienza (Astronomia). Questa evoluzione non è stata pacifica, molti dei primi astronomi scientifici sono stati perseguitati e giudicati. Oggi l’astronomia e l’astrologia sono praticamente antagoniste e nessuno con un minimo di cultura le confonde.
Sin dal Rinascimento, poco più di quattro secoli fa, l’umanità è entrata nella scoperta del Cosmo attraverso vari tipi di telescopi e altri strumenti, prima ottici, poi elettronici, ora digitali.
E a metà del XX secolo arrivò l’ astronautica. In tempi recenti abbiamo prodotto astronavi che, con o senza equipaggio umano, viaggiano attraverso lo spazio più vicino, portando persino messaggi per alcune (per il momento, ipotetiche) civiltà extraterrestri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *