Arrosto di vitello all’uva rosata

Preparare un secondo di classe ma utilizzando una ricetta di facile preparazione, è uno dei segreti dei grandi chef. In questa ricetta vi presentiamo una pietanza invernale che prevede ingredienti di facile approccio, anche se in effetti la sua preparazione comporta un po’ più di tempo per la lentezza della cottura, prima sul gas e poi nel forno che è fondamentale per l’ottima riuscita dell’arrosto. Provatela e buon appetito…

Ingredienti per 4 persone:

Noce di vitello 850 grammi
uva rosata 200 grammi
pancetta affumicata 40 grammi
cipolla bianca 1
sedano una costina
rametti di dragoncello (un paio)
carota 1
un ciuffo di prezzemolo
vino bianco secco 1 bicchiere
burro 30 grammi
olio e.v.o.
sale e pepe q.b.

Preparazione:

1) Tagliate la pancetta a fiammifero. Praticate qualche piccolo ma profondo taglio su tutto il pezzo di carne con un coltellino. Infilate in ciascuno di questi tagli la pancetta a fiammifero e richiudete premendo con le dita.

2) Spellate la cipolla e tagliatela finemente, pulite e riducete a dadini il sedano eliminando i filamenti, la base e le foglie e spellate la carota riducendo anche questa a dadini, quindi lavate tutte le verdure ed asciugatele con cura.

3) Fate fondere il burro nella padella con un dito di olio e fate rosolare il pezzo di carne che dovrà dorarsi uniformemente. Trasferitelo quindi nella teglia insieme al suo brodino, unite le verdure, bagnate il tutto con un bicchiere di vino bianco, aggiungete un pizzico di sale ed una macinata di pepe.

4) Fate cuocere l’arrosto in forno preriscaldato a 180° per circa una mezzoretta (dipende dal vostro forno), girandolo spesso e bagnandolo frequentemente con il suo stesso condimento.

5) Lavate e asciugate l’uva rosata e aggiungetene gli acini all’arrosto, insieme al dragoncello ed al prezzemolo puliti e tritati finemente.

6) Fate cuocere altri 20 minuti circa quindi avvolgete l’arrosto in foglio di carta stagnola e fate riposare per una decina di minuti.

7) Tagliate a fette l’arrosto, irrorate con il sugo di cottura ancora caldo e servite accompagnando con Primitivo di Manduria.

Una campagna promossa da Anas e Polizia di Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *