L’agretto, insalata da balcone

L'agretto, insalata da balconeIl crescione comune (crescione inglese o agretto) è purtroppo ormai poco diffuso nei nostri campi, ma la sua versatilità di utilizzo e la facilità di coltivazione, ma soprattutto il suo ottimo sapore che può arricchire i nostri piatti, lo rendono una scelta interessante tanto da meritare maggior spazio tra le nostre coltivazioni di piante aromatiche.

Si tratta di una specie erbacea a ciclo annuale che appartiene alla specie delle brassicacee. Può essere coltivata su tutti i tipi di terreno ma predilige il clima umido e teme i terreni asciutti ed il caldo eccessivo. In compenso dimostra una discreta resistenza al freddo e può pertanto essere coltivata con successo dalla primavera ad autunno inoltrato.

La germinazione è rapidissima, anche 2 o 3 giorni in condizioni ottimali e la raccolta può essere effettuata dopo 2 o 3 settimane, spesso anche prima. Il crescione infatti può essere consumato allo stato di germoglio e dunque si può raccogliere già una decina di giorni dopo la semina.

Utilizzato fin dai tempi antichi e molto probabilmente originario della Persia, l’agretto è una pianta profumata e dal sapore piccante e si ritiene possegga virtù antitumorali e contro l’ipertensione.

E’ anche un ottimo disinfettante ed il suo alto contenuto vitaminico lo rende un valido integratore della dieta.

Come detto, il crescione si raccoglie sia durante la coltivazione sia vicino alla fioritura. Le foglie devono essere asciutte ed alte almeno 5-10 centimetri. Le foglie vanno tagliate con delle forbici come se fosse del radicchio, oppure a mano, togliendo le foglie dai fusti.

La sua semplicità di coltivazione ne fanno una pianta semplice da curare anche in balcone, immancabile quindi tra le nostre aromatiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *